Statuto

6 Settembre 2011 – nasce QUARTOTEMPO Firenze – Associazione Sportiva Dilettantistica.

Come si legge dalle prime righe dello statuto, Quartotempo nasce con l’intento primario di propagandare la pratica dell’attività sportiva dilettantistica allo scopo di migliorare le condizioni psicofisiche degli atleti favorendo uno scambio culturale e promuovendo pari opportunità e collaborazione e contribuendo a garantire e uguaglianza di dignità e di diritti.

Quartotempo si pone l’ambizioso obiettivo di migliorare la qualità della vita e il benessere delle persone attraverso lo sport e tutte le attività collaterali necessarie per diffonderne la pratica con particolare attenzione rivolta ai giovani e alle persone con disagio intellettivo, relazionale, con problematiche psichiatriche o altre situazioni di svantaggio o a rischio di esclusione sociale.

  1. Promuovere una cultura di Pari Opportunità che contribuisca a garantire a tutti i “Cittadini del Mondo” l’eguaglianza in dignità e diritti.
  2. Favorire le opportunità di gioco, svago ed altre attività esperienziali per tutte le persone considerando il tempo libero per ogni persona un diritto imprescindibile di cittadinanza.
  3. Promuovere il benessere e la qualità della vita della persona attraverso la pratica sportiva in tutte le possibili discipline ( in particolare del gioco del calcio), attraverso anche altre attività collaterali che implementino le opportunità per tale promozione
  4. Promuovere, organizzare e diffondere la pratica sportiva per tutte le persone, con particolare attenzione ai giovani, a persone con disagio intellettivo, relazionale, con problematiche psichiatriche o altre situazioni di svantaggio o rischio di esclusione sociale.
  5. Coinvolgere partecipanti e diffondere il messaggio a tutta la popolazione in particolare tra i giovani per valorizzare lo sport come importante ed efficace veicolo di integrazione e socializzazione.
  6. Creare uno o più gruppi calcistici e sportivi.
  7. Creare uno o più gruppi che condividono esperienze collaterali allo sport
  8. Progettare e sviluppare percorsi educativi e sportivi individuali per tutte le persone appartenenti ai gruppi calcistici e sportivi dell’Associazione.
  9. Sostenere la famiglia dell’atleta attraverso percorsi individuali o di gruppo, anche con il supporto di terapie psicologiche.
  10. Promuovere azioni di approfondimento culturale volte alla sensibilizzazione della comunità rispetto al tema della “diversità”, dei diritti, della legalità e degli stili di vita.
  11. Favorire studi e ricerche in ambito tecnico-sportivo, sociale, psico-pedagogico e medico.
  12. Organizzare momenti di incontro, convegni e quant’altro possa creare scambio tra realtà e persone, incentivando la creazione di una “rete” fertile tra tutti i soggetti.
  13. Organizzare incontri, eventi o quant’altro possa permettere la partecipazione e la piena integrazione delle persone con disabilità o altre situazioni di svantaggio o rischio di esclusione sociale.
  14. Promuovere attività di Formazione per i soci, atleti, familiari, operatori sportivi e qualsiasi altra persona interessata.
  15. Progettare e realizzare percorsi formativi riguardo alla Progettazione di Percorsi educativi e sportivi.
  16. Progettare e realizzare percorsi formativi riguardo alla creazione di Gruppi Sportivi che si pongano il fine di accogliere persone con disabilità o altre situazioni di svantaggio o rischio di esclusione sociale.
  17. Fornire collaborazione, risorse umane , strumenti, metodologie di lavoro e quant’altro possa servire a realtà che si pongano l’obiettivo di costituirsi come gruppo sportivo che accolga persone con disabilità o altre situazioni di svantaggio o rischio di esclusione sociale.
  18. Progettare e realizzare percorsi formativi riguardo al coordinamento di gruppi sportivi, con particolare attenzione ai gruppi sportivi che accolgano persone con disabilità o altre situazioni di svantaggio o rischio di esclusione sociale.
  19. Progettare e realizzare percorsi formativi riguardo alla Supervisione alla Progettazione Educativa di gruppi sportivi, con particolare attenzione ai gruppi sportivi che accolgano persone con disabilità o altre situazioni di svantaggio o rischio di esclusione sociale.
  20. Progettare e realizzare percorsi formativi riguardo alla Conduzione Tecnica dell’attività sportiva,con particolare attenzione alle attività sportive che accolgano persone con disabilità o altre situazioni di svantaggio o rischio di esclusione sociale.
  21. Organizzare eventi o altre azioni di raccolta fondi da destinare ai fini sociali dell’Associazione.
  22. Gestire spazi ed attrezzature sportive, luoghi di socializzazione ed integrazione e luoghi di Ristorazione (anche Bar) che permettano di sviluppare socialmente ed economicamente l’Associazione, con il contributo attivo di persone con disagio intellettivo, relazionale o altre situazioni di svantaggio o rischio di esclusione sociale.
  23. Studiare le tecniche migliori per la proposta dell’attività sportiva a tutte le persone, con una forte attenzione per quelle persone che necessitano di strumenti materiali, educativi o di altro tipo per poter svolgere nel modo migliore l’attività sportiva.
  24. Collaborare ed interagire con Istituti Scolastici e di formazione per promuovere gli scopi dell’Associazione.
  25. Promozione di esperienze legate allo sport rivolte a persone con svantaggio/disabilità,
  26. Promozione del turismo sportivo e ambientale e dell’accessibilità per persone con svantaggio/disabilità.
  27. Promuovere l’autonomia e la mobilità dei giovani ed in particolare di coloro che vivono in condizione di svantaggio o disabilità, promuovendo anche in collaborazione con altre agenzie, progetti di scambio europeo.